Energy and climate changes

Progettiamo e realizziamo strumenti di programmazione e gestione delle politiche energetiche locali nella prospettiva del Protocollo di Kyoto, per il risparmio, l’efficienza, l’utilizzo delle fonti rinnovabili, l’adattamento. 

La efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di gas climalteranti richiedono soluzioni tecnologiche e collettive ma anche l’avvio di processi e di azioni pratiche. Serve conoscenza per la creazione di inventari e la individuazione dei piani di rischio, la collaborazione di tutti gli stakeholder per la definizione dei piani di riduzione e  di mitigazione e la capacità dia aggregare risorse, fondamentale per i piani di adattamento ai cambiamenti climatici.


Piani clima, Patto dei Sindaci e monitoraggio dei Paes

Dopo l’adozione del Pacchetto europeo su clima ed energia nel 2008, la Commissione europea ha lanciato il Patto dei Sindaci per avallare e sostenere gli sforzi compiuti dagli enti locali nell’attuazione delle politiche nel campo dell’energia sostenibile. I governi locali, infatti, svolgono un ruolo decisivo nella mitigazione degli effetti conseguenti al cambiamento climatico, soprattutto se si considera che l’80% dei consumi energetici e delle emissioni di CO2 è associato alle attività urbane.

Per le sue singolari caratteristiche – essendo l’unico movimento di questo genere a mobilizzare gli attori locali e regionali ai fini del perseguimento degli obiettivi europei – il Patto dei Sindaci è considerato dalle istituzioni europee come un eccezionale modello di governance multilivello.

Al fine di tradurre il loro impegno politico in misure e progetti concreti, i firmatari del Patto si impegnano a preparare un Inventario di Base delle Emissioni e a presentare, entro l’anno successivo alla firma, un Piano d’azione per l’energia sostenibile (PAES) in cui sono delineate le azioni principali che essi intendono avviare.

Alcuni Enti integrano alle azioni che riguardano direttamente l’energia tipici dei PAES anche misure integrate di adattamento ai cambiamenti climatici (es. forestazione urbana, prevenzione dei rischi di disastri naturali, misure per l’uso razionale dell’acqua, ecc.) nei così detti Piani clima.

Al di là del risparmio energetico, i risultati delle azioni sono molteplici: la creazione di posti di lavoro stabili e qualificati non subordinati alla delocalizzazione; un ambiente e una qualità della vita più sani; un’accresciuta competitività economica e una maggiore indipendenza energetica.

Indica supporta Comuni e Province nella realizzazione di tutti gli step e gli strumenti necessari a realizzare, attuare e monitorare i PAES e i Piani clima. In particolare indica ha sviluppato tutta la strumentazione e il know-how necessario attraverso il progetto Europeo LIFE+ LAKS (Local Accountability for Kyoto Goals), di cui è stato partner tecnico e il progetto LIFE+ LACRE

La redazione e condivisione dei PAES sono un requisito per l’avvio dei processi di realizzazione di SMART CITIES

Neutral

Indica offre ai propri clienti la possibilità di analizzare e compensare le emissioni di COderivanti dalle proprie attività economiche derivanti da servizi, prodotti, attività di supporto ecc.

Ogni attività infatti genera una certa quantità di CO2 che può essere misurata, ridotta e compensata tramite l’acquisto di crediti di CO2 certificati dal mercato volontario. Per questo servizio Indica si avvale del supporto di First Climate, una società tedesca che gestisce numerosi progetti di compensazione in diverse parti del mondo.

Per quanto riguarda il calcolo della Carbon Footprint Indica ha sviluppato un sistema di calcolo avvalendosi degli inventari Ecoinvent che garantiscono la conformità con le normative internazionali. Questo strumento è stato certificato da DNV Italia ed è stato utilizzato per neutralizzare le emissioni di moltissimi eventi di clienti quali: Socrem, Coop, Unipol, Hera spa, Ecological windows.

Il modello che Indica ha sviluppato ora tende ad individuare sul territorio la possibilità di creare e scambiare creditio di CO2.

Indica è nel panel stakeholder del progetto LIFE+ LAIKA.

spreco alimentare1(1)
Spreco alimentare – la gestione delle eccedenze attraverso la donazione

I più recenti dati FAO (settembre 2013, Food Wastage Footprint: Impacts

gaia-life-indica
GAIA – Green Areas Inner-cities Agreement

GAIA è un progetto Life, cofinanziato dalla Commissione europea, volto a

lowaste
LOWaste – Local Waste Market for second life products

I rifiuti rappresentano un’enorme risorsa da riutilizzare per evitare che l’eccessivo

multicolor
skin1
LACRe – Local Alliance for Climate Responsibility

Il progetto LACRe si pone come obiettivo principale quello di contribuire

comunita
ECO Courts – cortili ecologici

Il progetto ECO Courts – cortili ecologici – parte proprio dall’idea

facciamo i conti con l ambiente
Facciamo i conti con l’ambiente

Nel 2004 all’interno dell’Associazione Nazionale delle Agende 21 Locali Italiane è

ecologicool-logo-indica
Ecologicool

Il progetto ecologicool windows è frutto della collaborazione tra Indica e arte vetrina project - realtà consolidata

promise - Consumare e produrre sostenibile
PROMISE – Consumare e produrre sostenibile

PROMISE è un progetto volto a promuovere una maggiore diffusione dei prodotti

laks-indica-net
Local Accountability for Kyoto Goals

LAKS è un progetto europeo Life sviluppato dai Comuni di Reggio

527037_432550486788330_645704932_n1
It.a.cà – festival del turismo responsabile

IT.A.CA’, migranti e viaggiatori: Festival del Turismo Responsabile nasce dall’esigenza di promuovere